martedì 5 novembre 2013

en attendant BALLARO': LA LEGGE DI MURPHY

Forse, qualcuno attende Ballarò (per inerzialità puddina o per una sana incazzatura "motivante"), indove ci diranno che Bruxelles ha appena "gelato" la manovra Letta perchè "non si è avuto abbastanza coraggio nel taglio della spesa pubblica". Sicuri (i soliti esponenti PUD€ della compagnia di giro eventualmente allargata secondo moda) che ciò promuoverebbe la crescita.

Intanto, anche nei recessi del PUD€ più PUD€ di una notte senza luna, si profila ciò che, quando il PUD€ è troppo PUD€ (e rinuncia a camuffare il liberismo col diritto cosmetico e la retorica del "lavoro"), diviene inevitabile: tremors, rumbles...SCISSION.
Non ve ne parleranno molto a Ballarò; ma sta lì, che, tra gli acuti del conduttore in attesa di mandare un sondaggione che interrompe un (raro) discorso sgradito, incombe come ghigno, come un destino cinico e baro...cinico e baro...cinico e baro...

35 commenti:

  1. Io ho smesso di farmi del male. Ma da almeno un anno e mezzo...forse due!

    Mi voglio troppo bene per autodistruggere organi importanti come il fegato. Non per gli argomenti trattati ma per il come li si tratta.

    RispondiElimina
  2. Personamente da molto di più: tanto che ora posso farcela a fare incursioni a scopo di verifica sperimentale.
    Ma poi qui è un rimando che serve da contrappunto alla situazione che "sottosta" come una bomba a tutto il baraccone (se hai letto i links)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Però ricorda che tu avevi gli strumenti per capire la sonata da molto più tempo di me. Anzi, a dirla tutta, ho mollato "ballarò" quando ancora tutti questi strumenti non li avevo!

      Dai, tutto sommato, sono stato bravo! :)

      Elimina
  3. Chiacchierando con alcuni dei ragazzi a Pescara, abbiamo infine concluso che per molti di noi queste trasmissioni sono un po' come la "sagra del pirla": ci si sintonizza sull'hashtag e si da inizio al flame.

    Lo so, tutto ciò è immaturo, poco serio e via dicendo, però il flamer è fondamentalmente una figura reazionaria con una sua etica: reagisce alle s....tronzate ridicolizzando chi le dice...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ragazzi vi vogio bbbene, tanto: ma il mini-post è un contrappunto per focalizzare SCISSION su von Renziek e resa dei conti interna a tutte le varianti del PUDE, in un modo o nell'altro, legata alla questione €uropa=lavoro (disoccupazione-deflazione)

      Elimina
    2. Anche noi te ne volemo! :-)

      L'avevo capito, ma guardando ai numeri, Renzi non ha alcuna speranza indipendentemente da ciò che dicono i sondaggi: l'anno scorso prese da Bersani una sonora legnata, senza contare che i votanti alle primarie sono su un trend decisamente negativo rispetto agli anni precedenti. Per cui, quanto può essere sostenuto dalle forze di schieramento opposto alle primarie? Per come la vedo io, contrapporre nuovamente Renzi, significa semplicemente rendere credibile agli occhi dell'elettorato qualunque rappresentante del partito come propositore di un qualcosa "de sinistra". Poi, l'8/12, ne sapremo di più. ;-)

      Elimina
    3. A parte il fatto che il pd i trend negativi come quelli li combatte così
      http://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2013/11/tavolo_intera.jpg?adf349 (per questa volta credo che il link sia accettabile anche esteticamente), la mia impressione è che le primarie siano solo un sistema di finanziamento surrettizio mascherato da consultazione, i cui esiti sono già stati decisi altrove.
      Allo stesso modo, rendere credibile qualunque propositore di un qualcosa "de sinistra" dall'interno di quel partito, significa solo perpetuare la colossale menzogna che è la base fondativa sua e del consenso che raccoglie.
      Detto questo, non so fino a che punto ci sia da compiacersi di una scissione: più partiti all'interno del PUD€ significa più tempo dedicato dal mainstream mediatico alle sue tematiche, dato che nei notiziari su ogni questione ci sarebbero da ascoltare le opinioni dei relativi portavoce e così pure nei talk show.
      Inoltre, come si sa, le aggregazioni di più correnti politiche in un solo partito portano a un numero di voti inferiore alla somma di quelli che prenderebbe ciascuna di esse correndo da sola.
      Forse, allora, ai fini dei nostri obiettivi, potrebbe essere augurabile che il PD mantenga compatto il suo immondo corpaccione, in modo tale da far si che le sue contraddizioni insanabili siano più evidenti e meglio visibili da parte dell'elettorato, per poi ritorcerglisi contro.

      Elimina
    4. Fini argomentazioni politologiche e mass-mediatiche; ma molto "tattiche". Se la scissione si avrà, porterà, in questo clima di accelerazione tangibile sull'€uropa, alla probabile nascita di una soggetto non dico anti-PUD€, ma post-PUD€, forse persino recuperante la tutela costituzionale del lavoro. Non possono rifugiarsi "a sinistra" e lasciare a Renzi addirittura il monopolio dell'idea montante e inarrestabile che i limiti fiscali sono ormai insostenibili...secondo logica: ma ci hanno abituato che non è il loro forte)

      Elimina
  4. Scusate non ho capito o mi è sfuggita la notizia: la legge di stabilità inviata in europa per l'avvallo è stata poi avvallata? o le difformi stime sulla crescita della commissione europea valgono di per sé come obbligo a rivederla? Come funziona giuridicamente questa sudditanza?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quel che trapela le difformi stime sulla crescita non implicano una attuale revisione, dato che, sebbene al 2,7 anzichè al 2,5 stimato, il limite del 3% (praticamente unici in areaeuro oltre ai crucchi) risulta rispettato. Insomma, la crescita chissenefrega purchè continui il consolidamento fiscale e la deflazione salariale, per realizzare un surplus CAB che sarebbe, secondo la stessa Commissione, l'unico contributo alla crescita ammissibile (cioè il modello tedesco)...

      Elimina
    2. Da quel che trapela perché... spediamo (o scriviamo su dettatura) la legge e poi se tacciono acconsentono? Cioè non ci mettono neanche un timbro "approvata"? La spediamo formalmente per un consiglio "informale"? Non ci posso credere...

      Elimina
  5. Ballarò. -
    Sogniamo anche che un qualche martedì sera lo spazio occupato normalmente da Ballarò sia occupato da...

    -A coloro che dicono la gente non starebbe a guardare non sarebbe interessata-
    http://www.youtube.com/watch?v=qpsAUQk-CRg

    http://www.youtube.com/watch?v=gYeIY-ZCv0s

    Good Night and Good Luck.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto ieri sera mi sono guardata questo. Un ottimo antidoto ai Pagnoncelli caldi del PUDE, direi.

      Elimina
    2. Ma sì, riempiamo di belle cose il nostro mondo audiovisivo! :-)
      Rimane il mio personale divertimento nel guatare il mondo mediatico che si dibatte nella sua insanabile contraddizione: una sovrainformazione che non spiega nulla e alimenta uno scontento orientato che prima o poi (meglio prima) gli si rivolterà contro

      Elimina
  6. I FRIGORIFERI AFRICANI & I CONGELATORI DEI NIPOTINI
    Grande invenzione quella del freddo "bianco" per conservare il deperibile - il cui puzzo, come si sa, parte dalla testa.
    Quanto i consigli promozionati da ambasciatori venuti da lontano che, puntuali, arrivano alle fiere del "pulito" nelle piazze del Belpaese quando c'è qualcosa da vendere - quando l'articolo tira - ma c'è ancora qualcosa da comperare facendo buoni affari.
    Più grande ancora la surgelazione rapida e l'uso del congelatore che permette di far di spesa una sola volta al mese evitando l'esposizione alla durezza e ai malanni del tempo e di cogliere occasioni altrimenti sprecate.
    Qualcuno, di questi oggetti, ne ha fatto e ne fa usi poco propri ma il metodo, quello del freddo, funziona bene a surgelare dignità e diritti fuori stagione e ibernare le coscienze deperibili.
    Ma, vuoi mettere con il gusto, il sapore, il colore del "fresco" preparato e assaporato con le ricette sapienti delle nonne?

    ps: ogni riferimento a fatti, luoghi e persone è intenzionalmente causale e mi sa che è tempo di "via con il vento".


    RispondiElimina
  7. Ieri, fra un boccone e l'altro, mi son visto Ballarò... gli unici sprazzi di luce fra un Abete e un Lupi sono stati dati da un signore, tale Dominick Salvatore... peccato che come al solito si sia dato tanto spazio al primo, molto meno al secondo... Bello anche quando Lupi, in tema Alitalia e compagnie aeree, ha detto: "facile per le aziende straniere beccarsi i contributi in Italia, e pagare le tasse in Irlanda o simili"... Floris è stato costretto alla tattica del "parlaci sopra così non si capisce"... Ballarò, the best of the trash...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Floris con tutta evidenza non capisce nulla di nulla; aveva capito che doveva ripetere certi slogane parole d'ordine. Ma, persino gli esponenti del pUDE, travolti dai fatti che li stanno inchiodando, stanno virando. E il buon (?) Floris non sa più bene che cavolo deve fare per orientare il "messaggio" a favore di quello che crede essere il "vento". Uno spettacolo nello spettacolo.
      Per ora si rifugia in distinte vecchine che parlano dei problemi di scarsa serietà (e uno straniero che penserà?) nel sistema dei trasporti pubblici. Non una parola sul perchè, senza mettere in mezzo 'a corruzzzione, i comuni nun c'hanno na' lira. Intanto, dicono, i parlamentari dovrebbero vivere come gli altri italiani; ecco, soluzione geniale. Ignoranti privilegiati+ignoranti puddizzati= zero tituli per capirci qualcosa

      Elimina
    2. Ah si certamente, Floris e Pude sono capaci di dire che quanto sta accadendo in Grecia, ed in Italia nonostante il silenzio dei media sui dati che parlano stra chiaro di un rischio imminente deflazione (soprattutto visti i prossimi impegni italiani per soddisfare two pack, fiscal compact etc.), è un quasi un "bene" (se i prezzi calano, la robbba conviene, evviva!), dovuto alla concorrenza, e che l'inflazione così non danneggia la vedova e l'orfano, e che se anche fosse un male, questo è causa dei venti "populisti" che attraversano l'Europa e che danneggiano le politiche "credibili" dei vari governi, tesi nello sforzo immane per raggiungere la sfera dei "virtuosi" parametri di deficit e debito pubblico, il male assoluto, che si cura tagliando gli stipendi dei Dai, fa veramente ridere i polli. C'erano Gomez, Abete ed esponente PD (renziana naturalmente, sennò non la chiamavano manco pu' ca..) che quando parlava Salvatore nun sapevano che' di...il quale ha esordito dicendo: "Il problema dell'Italia è che i suoi dirigenti hanno deciso di seguire le folli direttive dei trattati di Maastricht e rimanere nell'Euro a queste condizioni"... Silenzio assordante... Sentivo l'aria che sbatteva all'interno della calotta cranica dei puddisti presenti in studio...

      Elimina
    3. Per dire, Abete è questo... Mah..

      Elimina
  8. L'autore dell'agenda 2010 prende le distanze da se stesso? Effettivamente, caro '48, stanno diventando un esercito.
    Anche questo signore (di sinistra?) ci dice che.....

    http://www.lastampa.it/2013/11/06/economia/lausterit-unideologia-cos-leuropa-rischia-la-fine-dbuWeO8ntgIjw5iTRkI0OP/pagina.html



    RispondiElimina
    Risposte
    1. E lui "sa" che hanno sforato il deficit, in situazione non congiunturale, per fare le riforme. Lui sa che molti sanno...Solo che è sto concetto di riforme che spacca la società in due parti, di cui una sempre più grande e bloccata, piacerà in chiave libero scambio transatlantico, ma comunque porta alla compressione della domanda.
      In fondo, gioca al liberal ma punta ad un modello politicamente praticabile di Europa germanizzata...

      Elimina
    2. Eh, ma deve stare attento! Un altro uomo che sta prendendo le distanze da se stesso mira alla fondazione di una nuova Triplice intesa!!!

      http://www.fanpage.it/prodi-ci-vorrebbe-un-allenza-latina-per-ridimensionare-il-potere-tedesco/

      (P.S. Ma l'Unione Europea, non serviva proprio a non tornare indietro ai tempi delle "Triplici"? Come ha ragione, il nostro Juncker.....).

      Elimina
  9. Ah, la svalutazione che danneggia le imprese. Povere le imprese italiane ai tempi delle svalutazioni competitive... Sigh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pensa che Brunetta ha detto l'altro ieri a 8 e 1/2 che le svalutazioni competitive erano l'unico modo per supplire alla mancanza di competitività per cui drogavano il sistema e poi si importava inflazione. E poi c'è che spera nelle aperture di una parte del PUD€, ma su! Siamo alle fantasie perverse!
      Per questo aspettano che sia la Francia ad aprire i giochi: per far rimanere intatto l'apparato spaghetti tea-party e continuare a deprimere la domanda anche con una svalutazione, credendo che il consolidamento fiscale "stimoli gli investimenti" (oggi sic Letta in persona)

      Elimina
    2. Per dire, il PD riesce a far fare un figurone sia Brunetta, che ieri sera a Lupi. Lupi!!! Ci rendiamo conto!! Ecco perchè perdono tessere come ben sottolinea Arturo... Sono loro il maggior conflitto d'interessi dell'Italia, altro che B. Essere il partito di riferimento dei lavoratori (o tentare di esserlo) è in palese contrasto con l'asservimento alla finanza

      Elimina
    3. Beh, se è per questo, dopo l'ultima sentenza del berlusca, al tg3 Zanda è riuscito a far fare il figurone persino alla Gelmini...

      Elimina
  10. Risposte
    1. Già; ma adesso pare che ci sia un nuovo "picco". Saranno mica tutti dipendenti pubblici terrorizzati dal "cambio di paradigma"? Qualcosa mi dice di no... :-)

      Elimina
  11. Intanto questa mattina repubblica titola in prima pagina che secondo il tesoro, dopo che la UE ha avanzato qualche dubbio sui numeri farlocchi governo (analizzati qui), sarà difficile che si riesca ad evitare la seconda rata dell'imu. Così assisteremo al solito teatrino di tre, quattro settimane di dibattito su come reperire risorse alternative a copertura, attendendo che arrivi l'endorsment dello sconosciuto calciatore finlandese venduto alla €urocrazia per poter arrivare al periodo fra Natale e capodanno, quando i media opportunamente distrarranno l'attenzione raccontandoci quanto mirabolante sia stato un altro anno di moneta unica e piantare, con una decisione sofferta ma necessaria, un altro chiodo sulla bara dell'economia italiana al grido di più €uropa.
    Il risultato sarà che non solo la seconda rata dell'imu sarà pagata lo stesso (chi non ha creduto a questo esito fin dal primo minuto è un piddino) ma, al netto di tutto, la grande battaglia di civiltà del pdl per abolirne il pagamento, sarà stata solo l'assist che ha consentito al governo di sfilarci di tasca risorse aggiuntive che avrebbero dovuto essere a copertura del mancato gettito ma che in realtà sono servite a tappare altri inevitabili buchi di bilancio la cui esistenza però, a imu pagata per intero, avrebbe messo il governo nella necessità di dover spiegare che 2+2 fa 5 solo nel meraviglioso mondo della politica ma nella dura realtà continua ostinatamente a voler fare 4.
    Un bel lavoro di squadra del PUD€, non c'è che dire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E paga la seconda rata! E non pagarla! E aripaga! E non aripagarla...Intanto, zitti zitti chiotti chiotti, hanno convinto tutti che sono diversi da Monti e che stavolta cresceremo e che l'euro è buono.
      Oddio, non tutti, ma almeno i media li sostengono nel dire che la grande soluzione è tagliare la spesa pubblica...per NON abbassare le tasse. Inutili arzigogoli: l'euro è sempre lì, col fiscal compact.
      Ma "loro" no: castadebitopubblicocorruzionesprechi. Finchè funziona c'€ sp€ranza...per "loro"

      Elimina
    2. Che poi, a dirla tutta: ma la vecchia, cara "certezza del diritto" dove è finita, nell'era dell'€uro? Dalla norma sul deficit applicata a due pesi e due misure fino alle tasse a geometria variabile, direi che è stata seppellita, assieme a due secoli di progresso dello stato di diritto.

      Amen.....

      Elimina
    3. La certezza del diritto?
      Non abbiamo ancora visto nulla!!!
      http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/renzi-ha-75-miliardi-di-buone-ragioni-per-votare-in-primavera-nel-2015-scatta-65993.htm

      Credo che esiga post chiarificatore...

      Elimina
    4. 75 (settantacinque) miliardi?

      Quasi quasi, emigro in Grecia!

      Elimina
    5. E notare che Bechis, ovviamente, ignora il moltiplicatore...

      Elimina