domenica 5 giugno 2022

QUALE PACE E QUALE GUERRA. IL DISCRIMINE TRA "NEUTRALITA' QUALIFICATA" E INTERVENTISMO CO-BELLIGERANTE

Riprendiamo la pubblicazione dei post su questo blog per un intervento da me tenuto al Convegno "Fermare la guerra" svoltosi a Roma lo scorso 27 maggio 2022.

Al titolo originario andrebbe aggiunto un "sottotitolo" che origina dalle (brevi...per motivi di spazio; molto altro si potrebbe aggiungere) conclusioni di real-politik: si potrebbe formularlo come un rinvio alla consapevolezza che L'Unione europea sia, in un modo che non appare ben chiaro alla sua stessa governance, un paese oggetto, a sua volta, di un'apertura di ostilità, fatta per ora di costrizioni e di risposte non ben ponderate, e, un domani, di risvolti sulla crescita e la stabilità finanziaria al suo interno, che la porrebbero in una situazione di co-belligeranza, politicamente ed economicamente contraddittoria ed insostenibile, verso l'intero mondo "non occidentale"; e questo risalterebbe all'interno di una spiralizzazione conflittuale che non corrisponde affatto all'interessi dei popoli che vivono entro lo spazio dell'Unione economica e monetaria e del suo "mercato unico". 

https://twitter.com/nytimes/status/1533564338983903238?s=20&t=Pxx4e6XgDHYBCPIucAwm8Q 

Quale pace e quale guerra? - CONVEGNO “FERMARE LA GUERRA”

PREMESSA - Fermare la guerra è una proposizione che dovremmo assumere nel senso più elevato ed umanistico: cioè, intesa come restaurare la pace. In astratto, la pace è la fine del conflitto tra Russia e Ucraina, come composizione dei rispettivi interessi contrapposti in un assetto stabile che consenta di risolvere ogni aspetto controverso che contrappone i due Paesi, ripristinando normali relazioni di diritto internazionale. Più riduttivamente, potremmo intenderla come fine stabilizzata dello scontro armato in corso, a prescindere, in un certo senso, dal ripristino di reciproche relazioni internazionali normalizzate tra le parti (il che, con tutta evidenza, non sarebbe un gran risultato, per i rischi di ripresa dello scontro armato, rivelati dalle posizioni attuali assunte dalle parti belligeranti, ove, appunto, non si risolvesse il sostanziale conflitto di interessi che le contrappone).

In concreto, dovremmo porci la domanda preliminare sulla reale origine e natura del conflitto cui stiamo assistendo: solo definendo questo aspetto potremmo immaginare un qualsiasi percorso di pace, in entrambi i sensi predetti (“pieno” e “riduttivo”), che potremmo chiamare, rispettivamente “pace sostanziale” e “tregua (tendenzialmente) stabile”.

2. La posizione italiana tra violazione dell’obbligo generale di neutralità e i limiti della co-belligeranza.

Darò ovviamente dei flash, delle brevi sintesi, poiché anzitutto la materia è in fieri, e dunque sfugge alla razionalità del dibattito, caratterizzata da un’emotività tanto più propagandistica quanto più, nel punto di vista italiano politico-mediatico, si accentua, all’interno dell’opinione pubblica, l’idea che noi saremmo “con una parte”, impegnati a fianco dell’Ucraina contro un paese aggressore che ha violato, (si dice), senza alcuna giustificazione e possibile graduazione di responsabilità, il fondamentale precetto internazionale (considerato di ius cogens) relativo al divieto dell’uso della forza, o che saremmo addirittura co-belligeranti (o quasi), attraverso la fornitura di armi e assistenza di intelligence all’Ucraina.

In realtà, ognuno di questi passaggi che portano alla nostra posizione sono, sul piano del diritto internazionale, piuttosto controversi poiché, come vedremo, basati – se pure c’è questa preoccupazione – su un implicito quadro di regole opinabili e in conflitto tra loro. Dunque, permane un’oggettiva incertezza sulla liceità/legittimità delle complessive iniziative assunte dall’Italia, tra l’altro nel quadro della politica estera e di sicurezza comune dell’Unione europea. Quest’ultima, com’è noto, è soggetta al principio di unanimità (art.24.2. TUE), in quanto non rientra tra le esplicite competenze esclusive o concorrenti dell’Unione (cfr; artt.3 e 4 TFUE); in questa situazione normativa, e stante anche la delicatezza costituzionale delle azioni intraprese, solo un approfondito e ben informato dibattito parlamentare avrebbe consentito di chiarirne la rispondenza alla volontà popolare e la conformità ad un ordinamento internazionale che promuova la pace e la giustizia tra le Nazioni, ripudiando la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali (come recita l’art.11 Cost.)

2.1. Il limite in evoluzione della cobelligeranza all’interno del concetto di guerre di “nuova generazione”.

La cobelligeranza è un termine coniato per varie anomale convergenze di sforzo bellico contro un nemico comune durante la seconda guerra mondiale; così per la spartizione della Polonia tra Germania e Russia nel 1939 (il patto Molotov-Von Ribbentrop non era di alleanza ma di reciproca neutralità); per la cooperazione della Finlandia a fianco della Germania nazista nel periodo 1941-1944, non divenendo mai un paese formalmente ascrivibile alle c.d. potenze dell’Asse; nonché, per la posizione italiana nella seconda guerra mondiale dopo l’8 settembre 1943. Si tratta dunque di un concetto indicativo della controversa compartecipazione, a fianco di un altro Stato, ad un conflitto armato contro un nemico comune, ma al di fuori del necessario presupposto di un preesistente accordo di alleanza (John P Grant e J.Craig Barker, Parry and Grant Encyclopaedic Dictionary of International Law, Oxford University Press, 2 ottobre 2009, pp. 102).

Diciamo subito: dai principi della Carta delle Nazioni Unite, come precetto ormai assumibile come diritto internazionale generale, al pari del divieto di minaccia o uso della forza, è riconosciuta la valenza generale dell’obbligo di neutralità in caso di conflitto tra paesi terzi, (com’è nel caso della guerra in corso per i paesi dell’Unione europea), entrambi connessi, sia pure con molti dubbi sul contenuto operativo dei precetti stessi, al c.d. principio di non ingerenza negli affari degli altri Stati (emerso, con alterne fortune nei tempi recenti dalla Dichiarazione dell’Assemblea generale della NU contenuta nella ris. 9 dicembre 1981 n.36/103), che:

a) si pone come obbligo complementare e coessenziale a quello, derivante dall’adesione al trattato ONU, di partecipare al sistema collettivo accentrato di mantenimento della pace e della sicurezza internazionale, sancito dallo Statuto delle Nazioni Unite, o

b) si pone quantomeno come un comportamento dovuto sul piano internazionale perché funzionale alla effettività dell’impegno al ripudio della guerra e al perseguimento collettivo, il più ampio possibile, della soluzione pacifica delle controversie internazionali, impegno comunemente assunto dalle Costituzioni della generalità degli Stati democratici prevalenti nella comunità internazionale.

Ed infatti, anche laddove non si ritenga (com’è opinione prevalente) affermato l’accentramento della risoluzione delle controversie presso le Nazioni Unite come un principio certo di diritto internazionale generale, la neutralità rispetto ad un concreto conflitto implica simultaneamente un’esigenza di attivazione, ben diversa dalla neutralità come atteggiamento unilaterale di uno Stato assunto in via preventiva erga omnes, tipicamente il caso della Svizzera.

In questa ottica, la neutralità attiva, lungi dal porsi come l’adesione ad un pacifismo amorale, per così dire “inerte” ed egoistico, rimane il logico presupposto di quell’obbligo di partecipazione costruttiva al mantenimento di un ordinamento internazionale che persegua la pace e la giustizia tra le Nazioni, che si esplica nel promuovere concretamente e con immediatezza, non solo nelle enunciazioni astratte di principio, ogni possibile strumento di risoluzione pacifica delle controversie. Il dubbio sorge, semmai, riguardo ai limiti di liceità della tipologia e della misura quantitativa di questi strumenti, quando si giunge a porre delle contromisure o ritorsioni sanzionatorie, da parte di Stati terzi: in pratica circa il rispetto dei principi generali di reciprocità e di non ingerenza.

Tale obbligo di neutralità quantomeno implica che ciascun paese terzo rispetto alle parti di un conflitto armato mantenga una “imparzialità” che gli consenta di rafforzare e incentivare, nella comunità internazionale, la convinzione condivisa che sia operante la regula iuris sulla prioritaria ed immediata attivazione dei mezzi riconosciuti di diritto internazionale per una soluzione pacifica della concreta controversia in atto. Ciò eviterebbe e preverrebbe, attraverso una coerenza continua di atteggiamenti, l’ulteriore indebolimento della spinta comune ad un sistema incentrato sull’azione delle Nazioni Unite, proprio perché tanto più coerente e propagato, rispetto a tutti i paesi della comunità internazionale, risulta il mantenere questa imparzialità, tanto più forte e credibile sarà la legittimazione a promuovere la pace.

E ciò vale anche nel caso in cui tale paese decidesse che l’atto commesso da una delle parti (appunto, l’aggressore; ma emerge anche, dal quadro attualissimo dei numerosi conflitti in corso, che molto dipende da CHI sia questo aggressore, entro una geo-politica a forte narrazione soggettiva e auto-suggestiva) sia ritenuto “intollerabile” in quanto concretizzante un illecito internazionale che ponga direttamente ed estesamente in pericolo la sicurezza e le pacifiche relazioni in Europa.

E proprio su quest’ultimo aspetto si è acceso il dibattito in Italia, poiché l’allargamento cronologico della considerazione delle vicende che hanno coinvolto i reciproci rapporti tra Russia e Ukraina, quantomeno rende opinabile, ai fini di una “imparziale” valutazione di liceità e di una graduazione delle responsabilità sul piano del diritto internazionale, isolare l’atto, come dire, “finale” dell’aggressione militare russa, da tutto il contesto di eventi che l’hanno preceduta nel tempo (almeno dal momento del “distacco” dell’Ukraina dall’ex Unione sovietica).

Sulla cobelligeranza c’è da chiarire che, l’attuale classificazione delle forme di guerra in tipologie di diversa “generazione” – radicabili nell’equivalenza funzionale a atti ostili bellici di nuove forme, tecnologiche e finanziarie, di contromisura o di ritorsione adottate da paesi che non abbiano lo status di “paese leso” rispetto al paese “aggressore”-, rende ancor più opaco il quadro giuridico internazionale, in costante trasformazione erosiva rispetto all’ideale dell’accentramento presso il sistema dell’ONU. La più recente dottrina (JAMES CARDEN, US a ‘co-belligerent’ in Ukraine war, legal expert says. US and allies warned on ‘violations of a neutral’s duties of impartiality and non-participation in the conflict’, Asia Times, 19 aprile 2022), ritiene che la “neutralità” si perda, e si assuma lo stato di cobelligeranza quando: a) si dichiari guerra; b) si partecipi in misura significativa alle ostilità; o (3) operando con violazioni sistematiche o sostanziali dei propri doveri di imparzialità e non partecipazione

E’ chiaro che proprio quest’ultima ipotesi è quella che pone maggiori problemi sul tema della cobelligeranza, considerando che vengono considerate “guerra” di nuova generazione anche la guerra cibernetica e quella finanziaria, mentre è pacifico che la fornitura di armi e sistemi d’arma rilevi allorché divenga sistematico e conclamato.

D’altra parte, autorevole dottrina ritiene che le stesse misure di carattere economico possano costituire illecito, in forma di violazione del principio di non ingerenza e di autodeterminazione dei popoli, qualora tale misure siano contemporaneamente e sistematicamente prese all’unico scopo di influire sulle scelte dello Stato straniero (Conforti, Diritto Internazionale, p.225).

2.2. La “linea rossa” che forse è stata già superata.

Si assume, peraltro, che la mera violazione dell’obbligo di neutralità rispetto a un conflitto tra paesi terzi non attribuisca di per sé la qualificazione di belligerante o co-belligerante; si avrebbe piuttosto, nella recente e, peraltro non consolidata elaborazione dei giuristi e dei politologi, una condizione di “neutralità qualificata (Shweta Desai, France to deliver CAESAR artillery guns, shells to Ukraine, Anadolu, 22.04.2022.), termine di cui invano si cerca una definizione univoca, proprio perché si tenta di definire la posizione di chi adotta una serie di varie misure di rappresaglia o, semplicemente, ritorsive (le c.d. sanzioni), non potendo però vantare la qualità di Stato aggredito e neppure “leso” (le ritorsioni e le, meno “gravi” contromisure, sono strumento di autotutela di diritto internazionale a disposizione dello Stato che si ritenga leso da un illecito internazionale altrui; Conforti, op. cit., pag.375 ss.).

Più realisticamente, si propone il concetto che l’assunzione dello status di co-belligerante, specialmente nel caso, cui assistiamo oggi, - di fornitura di armi e di assistenza di intelligence, di appoggio alla c.d. guerra cibernetica, e di adozione di una pesantissima contromisura qual è il blocco delle riserve della banca centrale russa - potrebbe derivare dal superamento di unalinea rossa”: questa dovrebbe consistere nella sistematicità e nella decisività di tali forniture ed appoggi rispetto alla determinazione e possibilità di un Paese di ingaggiare e, più che altro, di proseguire il proprio sforzo armato (ignorandone i prodromi e gli sviluppi, senza dover ricercare una pacifica soluzione negoziale, preventiva o successiva che sia). Insomma, il conflitto tra Stati terzi non deve trasmodare in una guerra condotta nella sostanza, da un certo Stato “dominante” e dai suoi alleati, “per interposto Stato”, o, come si dice, in una guerra “per procura”.

3. Atlantismo senza alternative “morali” e realtà delle previsioni fondamentali del Trattato Nord Atlantico.

Pochi aspetti del diritto risentono attualmente di una devastante incertezza e della riduzione ad un senso comune tanto conformista e per sentito dire, quanto aggiustato a posteriori sullo svolgimento degli eventi, quanto il diritto internazionale.

Ed invero – anche al di là delle, non casuali, previsioni verbose e pedisseque dei trattati internazionali più vari (sempre più diffusamente scritti in tal modo, col proposito di renderne incontrollabili i contenuti alla percezione delle comunità sociali degli Stati contraenti), mai come oggi il diritto internazionale generale, quello che fu inizialmente teorizzato come espressione di un diritto naturale e, come tale, razionalmente percepito come doveroso dalla comunità delle Nazioni Civili, presenta un cedimento alla indefinibilità dei precetti vigenti e alla brutalità dei rapporti di forza.

Tuttavia, alcuni caveat, sul piano del diritto internazionale possono essere formulati per evidenziare le problematiche che ostacolano tutt’ora la composizione pacifica del conflitto in corso, ma anche un eventuale percorso che veda l’Italia come soggetto attivo nello spendere i c.d. “buoni uffici”, o nell’esprimere dal suo interno personalità che esperiscano una “mediazione” o siano componenti di una commissione di c.d. conciliazione (la conciliazione è considerata dalla Carta dell’ONU e da un certo consolidamento del diritto delle organizzazioni internazionali come una metodologia privilegiata, tra le altre, di risoluzione pacifica delle controversie; cfr; Capo VI, art.33-38 della Carta e, sulla mediazione mediante i c.d. “termini di regolamento” dettati dal Consiglio di Sicurezza, l’art.37, che affianca il – molto teorico- potere di raccomandazione mediatorio dell’Assemblea; art. 14).

Anzitutto, si parla, con un’eccessiva foga di “atlantismo per definire la posizione italiana sul conflitto in corso, considerata senza alternative moralmente accettabili.

Ciò, in primo luogo, fa per implicito identificare, curiosamente, la Nato come istituzione preposta, in qualche imprecisato modo, alla funzione di garante erga omnes del diritto internazionale e di sanzionatrice globale degli illeciti internazionali commessi contro Stati NON facenti parte dell’alleanza; ma la Nato è definita essenzialmente per il suo carattere di alleanza militare, - peraltro difensiva e inoltre originata e giustificata da una contrapposizione politico-militare per “blocchi” (specificamente all’interno dell’Europa), che sarebbe in realtà storicamente superata da decenni.

Tant’è che la più recente letteratura gius-internazionalista va cercando, senza molto successo, un “nuovo ruolo” della Nato, creando in via politologica e non di diritto, un diritto internazionale pattizio immaginario, esattamente come si parla di finalità e realtà operativa dell’Unione europea in base alle suggestioni di un diritto europeo “immaginario”, o sicuramente non vigente ed oggetto esclusivamente di wishful thinking (https://www.dirittoconsenso.it/2021/01/07/futuro-nato-nuove-sfide-cambiamenti-necessari/, dove emerge comunque, come nelle discussioni sul futuro dell’Unione europea, “la divergenza di priorità tra paesi membri”) ; ciò perché entrambe le tesi si muovono dall’ignorare o dal forzare le effettive previsioni dei rispettivi trattati.

L’effetto, forse non del tutto consapevole (almeno a livello di sentimento popolare), di tale neo-senso comune, anzi mediatico, delegittima direttamente la ragion d’essere delle Nazioni Unite e supera d’un balzo ogni ipotizzabile valenza del principio di non ingerenza; ed anzi, con un’inquietante ripetizione della Storia, e per quanto sia utopica la costante aspirazione a creare un’effettiva “Autorità mondiale della Pace”, questo depotenziamento si accentua via via che si afferma in modo concomitante questa narrazione del preteso ruolo ultra vires della Nato, proprio perché l’insieme delle previsioni che disciplinano le attività degli organi delle Nazioni Unite, funzionali al raggiungimento dei suoi elevati scopi, riposano in realtà su un’ondivaga e mai raggiunta adesione, diffusa e costante, dell’intera comunità internazionale alle raccomandazioni della sua Assemblea o, comunque, all’unanime volontà espressa dal Consiglio di Sicurezza.

Ma una delle poche conclusioni certe per gli studiosi di diritto internazionale e per le stesse decisioni delle varie corti nazionali e internazionali è che “in un ordinamento come quello internazionale…manca un sistema accentrato di garanzia per l’attuazione del diritto”; cfr. Conforti, op. cit., pag.376, proprio in tema dell’adozione delle misure di c.d. “ritorsione”, tra cui, entro i limiti sopradetti, possono farsi rientrare le attuali sanzioni adottate; peraltro, ed è questo uno dei punti maggiormente trascurati nel dibattito italiano (ma non francese o tedesco o ungherese), con la sopportazione di costi asimmetrici, da parte degli Usa e dalla ben più onerata Unione europea.

Il fatto che l’ONU, quale organismo esponenziale della concorde volontà della comunità internazionale di instaurare un ordinamento regolato dal diritto e, quindi, per definizione, volto a mantenere la pace e la sicurezza con la sistematica prevenzione della guerra, non abbia potuto affermare il suo ruolo con sufficiente effettività, non implica affatto che si debba tornare ad un ordinamento internazionale di stampo ottocentesco, retto solo dalla imposizione incombente della potenza militare.

Se non altro perché la potenza militare è, da sempre, un riflesso della forza economica e demografica (ora, si ritiene, meno, ma non tanto quanto ci si illude di poter affermare) e - all’interno di un mondo comunque variamente unificato dall’adozione del modello capitalistico che si afferma con l’evoluzione produttiva incentrata sulle grandi macchine – della, normalmente consequenziale, superiorità tecnologica. La deriva qui segnalata fa paventare un mondo che competa economicamente, sui mercati globalizzati, in un modo sotterraneo e feroce, impegnando, contro la propria volontà cosciente, la totalità dei comuni esseri umani nella creazione di gigantesche entità politiche, monopoliste delle capacità finanziarie e tecnologiche, per arrivare ad una contendibilità della superiorità militare, ieri dell’Inghilterra imperiale, oggi degli Stati Uniti e domani chissà, in un processo infinito e incontrollabile di traumi distruttivi. Cioè un diritto internazionale inteso come anarchia globale incentrata sulla regola dei pochissimi Stati molto forti che si scontrano tra loro, schiacciando i tanti molto deboli.

3.1. Una ricognizione delle effettive norme fondamentali del Trattato Nord Atlantico e la “deriva” verso un evanescente nuovo significato giuridico.

Tuttavia, proprio in diritto, l’atlantismo, inteso come appartenenza al trattato Nato e conseguente rispetto degli obblighi derivanti da esso, non risulta avere connessioni con la guerra in corso: l’Ukraina infatti non appartiene alla Nato (sebbene abbia posto nella sua più recente costituzione l’obiettivo dell’adesione, creando uno dei più evidenti presupposti del “casus belli”) onde non si applica, com’è stato finora evidente, l’art.5 del Trattato (per cui “le parti convengono che un attacco armato contro una o più di esse in Europa o in America settentrionale, sarà considerato come un attacco diretto contro tutte le parti” abilitando ciascuna di esse all’esercizio armato del diritto di legittima difesa “riconosciuto” dall’art.51 dello Statuto delle Nazioni Unite”).

Tuttavia, quel che più conta, è che la Nato, sempre in linea di diritto, non assume alcun compito di sistema accentrato di garanzia per l’attuazione del diritto internazionale, cioè di “poliziotto del mondo”, non prevedendo il relativo trattato, in alcun modo, obblighi in tal senso per i paesi contraenti, sia in danno di paesi non contraenti che non siano aggressori di uno Stato-membro, sia, ed è quel che rileva nel caso di specie, a favore di qualsiasi paese terzo.

Al contrario, l’art.1 del trattato Atlantico pone uno scopo giustificativo esattamente opposto, cioè quello di perseguire principalmente la composizione “con mezzi pacifici di qualsiasi controversia in cui potrebbero essere coinvolte” le parti del trattato, dovendo queste comunque in modo da astenersi “nei loro rapporti internazionali, dal ricorrere alla minaccia o all’uso della forza assolutamente incompatibile con gli scopi delle Nazioni Unite.[1]

Tant’è che l’art.2, dissipando ogni equivoco riguardo alla coincidenza “di scopo giustificativo” della Nato con le finalità statutarie delle Nazioni Unite recita “Le parti contribuiranno allo sviluppo di relazioni internazionali pacifiche e amichevoli, rafforzando le loro libere istituzioni, favorendo una migliore comprensione dei principi su cui queste istituzioni sono fondate, e promuovendo condizioni di stabilità e di benessere. Esse si sforzeranno di eliminare ogni contrasto nelle loro politiche economiche internazionali e incoraggeranno la cooperazione economica tra ciascuna di loro o tra tutte.”. Il rafforzamento della capacità individuale e collettiva di resistere ad un attacco armato, viene solo all’art.3 del Trattato stesso.

Questa sorta di rinvio alla primazia del mantenimento della pace e della sicurezza affidato alle Nazioni Unite, come riconoscimento vincolante per gli aderenti alla Nato, trova conferma pure nell’art.7, che pone una direttiva pro-ONU e sostanzialmente volta a privilegiare la risoluzione pacifica delle controversie, direttiva altrettanto vincolante per tutti i paesi-membri della Nato, -compresi gli Stati Uniti in verità -, e che vale, necessariamente, anche nei confronti degli altri paesi della comunità internazionale: “II presente Trattato non pregiudica e non dovrà essere considerato in alcun modo lesivo dei diritti e degli obblighi derivanti dallo Statuto alle parti che sono membri delle Nazioni Unite o la responsabilità primaria del Consiglio di Sicurezza per il mantenimento della pace e della sicurezza internazionali”.

Va soggiunto che, sempre nel quadro così enunciato dalla lettera delle previsioni fondamentali del Trattato, caratterizzanti il suo scopo ed oggetto essenziali, “l’invito” (perché di invito e non di auto-candidatura parla l’art.10 del Trattato stesso) ad aderire alla Nato, è subordinato esplicitamente alla condizione che tale allargamento sia “in grado di favorire lo sviluppo dei principi del presente trattato e di contribuire alla sicurezza della regione dell’Atlantico settentrionale”. 

Senza dubbio, tale condizione vale, o dovrebbe valere, per le “improvvise” ventilate adesioni di Svezia e Finlandia, come pure per l’aspirazione ad aderire della stessa Ukraina. Ora va di moda negare addirittura l’accerchiamento tattico e strategico della Russia, ma è oggettivamente dubbio che il posizionamento in questi paesi di sistemi di armamento missilistico antinucleare e offensivo-nucleare, se non altro per la distanza estremamente vantaggiosa di tali Stati rispetto al cuore della Russia, possa  contribuire alla sicurezza della regione, anche secondo un elementare test di logica; logica che ci dice invece che tali adesioni, a maggior ragione per il momento storico in cui vengono ipotizzate, appaiono oggettivamente mirate a rendere insostenibile la situazione politico-militare della Russia, innescando un suo “metterla con le spalle al muro”, col rischio crescente di un, prima inimmaginabile, esteso conflitto nucleare.

4. Alcune brevi conclusioni di real-politik.

Veniamo ai fatti di oggi e cerchiamo verificare che cosa, in diritto, e, in ultima analisi, nella vita socio-economica dei paesi Ue, comporterebbe “questo” atlantismo, più o meno immaginario, così tanto invocato, sia ai fini di un percorso di negoziato di pace, sia in termini di delineazione dell’esatta natura del conflitto in corso:

l’Italia ha prestato il suo consenso alle sanzioni finora decise in sede eurounitaria; vige il principio dell’unanimità, come abbiamo visto, e quindi la valutazione è frutto di una forte scelta politica. Forte perché la rapidità di tali decisioni comuni non appare aver adeguatamente ponderato l’impatto sull’economia dei paesi-membri “sanzionanti”, già di per sé alle prese con una ripresa economica resa difficile dalle tensioni sui prezzi energetici e delle materie prime e dei semilavorati importati (aumento inflattivo generalizzato ma specificamente appuntatosi su ciò che ci siamo comunque vincolati a importare per rispettare il quadro obbligatorio delle c.d. rivoluzioni green e digitale).

Questa ripresa dell’inflazione da importazione precede l’inizio della guerra e origina da un combinato disposto di: a) auto-vincolo della domanda pubblica dei paesi-membri verso finalità prioritarie di investimento normativamente stabilite a livello Ue; b) connessi mancati investimenti, a livello mondiale, nel settore estrattivo e infrastrutturale energetico; c) conseguente insorgere delle aspettative rialziste dei mercati finanziari sui prezzi di prodotti che, rimangono invece, indispensabili sia per gestire la nostra capacità produttiva essenziale, sia per condurre con successo la c.d. fase di transizione, sia per rendere minimamente sostenibile, per le imprese e l’occupazione, il modello finale di economia che si vorrebbe instaurare.

Tutto ciò determina il pericolo imminente di renderci dipendenti strutturalmente dalle commodities e dalle tecnologie importate dalla Cina e dai suoi ulteriori hub asiatici di delocalizzazione. L’aggravamento ulteriore di tale situazione, a seguito delle sanzioni, si situa proprio nell’incertezza delle relazioni politiche e giuridico-commerciali internazionali che ne deriva (dando lo spunto all’accelerazione di quel sotterraneo e feroce lavorio di competizione economica tra grandi potenze che abbiamo visto portarci verso una restaurazione, amplificata dalla tecnologia, dell’ordinamento internazionale ottocentesco basato sulla potenza militare come prodotto di supremazia economico-finanziaria e superiorità tecnologica).

Insomma, occorreva ponderare i benefici, modesti, della funzione di deterrenza sanzionatoria verso la Russia con i costi della crescente incertezza politica rispetto al reale modello di specializzazione produttiva che, complessivamente, caratterizza il regime Ue e, ancor più quello dell'Eurozona, e rispetto al quale, già di per sé, risultava velleitaria la politica industriale incentrata sull’adozione forzata del green e del digitale e sulla disincentivazione dell’uso produttivo degli idrocarburi.

Si è inoltre provveduto ad una sorta di sequestro (con subentrata minaccia di confisca) delle riserve monetarie della Banca centrale russa, adottando una “contromisura” che non ha precedenti neppure nel blocco dei beni e nell’embargo petrolifero adottati contro il Giappone (1940-41) alla vigilia della seconda guerra mondiale, allorché, però, la situazione di guerra imminente riguardava direttamente gli Stati Uniti, non considerabili come “paese terzo”. 

Ma, nell’attuale situazione, in cui vige la moneta fiat e non il gold standard, e comunque le “riserve” valutarie vengono registrate elettronicamente e si appostano per lo più all’estero (come anche buona parte di quelle in oro), dentro un sistema di pagamenti controllato dagli Usa e dall’Ue, ciò genera uno sconvolgimento nella fiducia, appunto, del sistema dei pagamenti internazionali e in quello valutario; ciò obbliga, per giustificata cautela, tutti i paesi del mondo a rivedere l’assetto monetario internazionale fondato sul dollaro e, peraltro, sull’euro. Un assestamento verso questa esigenza comune alla parte più popolosa (ed anche, ormai, produttiva) del mondo, rischia di risolversi in un boomerang di medio periodo dagli effetti devastanti sia economici sia di tipo bellico.

In una sintesi conclusiva, si può dire che la pace si afferma ancor più come necessaria, sebbene intesa non come tregua, più o meno stabile (che arriverà per spontanea azione delle parti belligeranti, prima o poi, dato l’adattarsi, alle condizioni inevitabilmente emergenti “dal campo”, degli obiettivi dell’offensiva russa) ma come composizione di interessi sostanziali che facciano capo a tutti gli attori coinvolti: la crisi economica strutturale, e quindi prolungata e difficilmente risolvibile, in cui rischia di entrare l’Unione europea, - a differenza degli Stati Uniti che dispongono di ben altre risorse e sono in grado di calibrare le proprie politiche industriali addirittura avvantaggiandosi dell’auto-riduzione produttiva che si è variamente imposta l’Ue -, ci inserisce in una lotta contro il tempo per il raggiungimento di una soluzione pacifica negoziale.

Ma i segnali che arrivano dalle cancellerie europee e dalle reiterate dichiarazioni dei responsabili della politica estera e della sicurezza europee, depongono in senso contrario ad una consapevolezza del tunnel in cui si è infilata l’Unione stessa. L’auspicio è che, senza dover troppo a lungo brutalizzare le vite dei cittadini italiani, ed europei in genere, la realtà dei fatti porti le nostre classi di governo a un maggior senso dell’interesse generale della Nazione, correggendo gli eccessi di aggressività e gli equivoci giuridico-internazionali in cui ora, sotto la spinta interessata degli Stati Uniti, appaiono invece indugiare. La prospettiva peggiore è che non ci si accorga che accanto al conflitto guerreggiato tra Russia e Ukraina, si instauri e si prolunghi una vera e propria offensiva punitrice dell’Unione europea, prigioniera impotente delle sue contraddizioni e delle sue ambiguità originarie e successivamente rafforzatesi.  



[1] art.1 “Le parti si impegnano, come stabilito nello Statuto delle Nazioni Unite, a comporre con mezzi pacifici qualsiasi controversia internazionale in cui potrebbero essere coinvolte, in modo che la pace e la sicurezza internazionali e la giustizia non vengano messe in pericolo, e ad astenersi nei loro rapporti internazionali dal ricorrere alla minaccia o all'uso della forza assolutamente incompatibile con gli scopi delle Nazioni Unite”.

9 commenti:

  1. Nella negatività complessiva per carità..ma bentornato nel suo blog Presidente!!:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inutile dire che, per quanto ormai la situazione sia caratterizzata da un sorta di follìa illimitata, l'auto-organizzazione dei cittadini per autorappresentare i propri interessi, costituisce la risposta (crescente) a questo stato di cose, così instabile e, per molti versi, senza precedenti. Purché i cittadini siano in grado di identificare correttamente i propri interessi democratici

      Elimina
  2. Ben tornato Quarantotto!
    Perazzetti te salutant

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre un piacere risentirti. In gamba, mitico!

      Elimina
  3. Ci aggiungo questo ai saluti ;)

    Qui dimostriamo che rapidi giudizi di competenza basati esclusivamente sull'aspetto facciale dei candidati hanno predetto i risultati delle elezioni governative, le elezioni più importanti negli Stati Uniti dopo le elezioni presidenziali. In tutti gli esperimenti, ai partecipanti sono stati presentati i volti del vincitore e del secondo classificato e gli è stato chiesto di decidere chi fosse più competente.

    https://www.pnas.org/doi/10.1073/pnas.0705435104

    I politologi hanno condotto studi di follow up dopo la ricerca iniziale di Todorov e identificato una categoria di elettori per i quali è particolarmente probabile che le preferenze automatiche del sistema 1 svolgano un ruolo importante. La categoria, hanno scoperto, è quella degli elettori politicamente disinformati che guardano molta televisione. Come previsto, l’effetto della «competenza del volto» sul voto è circa il triplo negli elettori disinformati e teledipendenti che in quelli meglio informati e meno teledipendenti.5 Evidentemente, l’importanza relativa del sistema 1 nel determinare le scelte di voto non è la stessa per tutte le persone.
    Pensieri lenti e veloci
    Daniel Kahneman

    Da quando c'è stato un governo "democratico"(le virgolette le ho aggiunte io per precisione e rispetto a questo luogo e ai suoi autori), gli scettici si sono preoccupati che i cittadini basassero le loro scelte e i loro voti su considerazioni superficiali. Una serie di studi recenti sembra convalidare questi timori, suggerendo che i candidati che semplicemente sembrano più capaci o attraenti ottengono risultati migliori alle elezioni. In questo articolo, esaminiamo il processo alla base dell'effetto apparenza.

    https://dspace.mit.edu/handle/1721.1/96161

    RispondiElimina
  4. Bentornato Presidente! C' è un' allusione in U(nited)K(INGDOM)raina,o sono troppo "malizioso"?

    RispondiElimina
  5. Cosa dire?
    Meno male. Dopo un anno e mezzo, era ora. E il fatto che ci si accorga così dappresso del lieto evento, dovrebbe rendere testimonianza, piuttosto esplicitamente, del livello di lutto e sconforto in cui sono state gettate le persone pensanti.
    Ho potuto credere in qualche evento nefasto, oppure più nefasto proposito, come quello di aver deciso che oramai non fosse più il tempo delle chiacchiere, come s'usava dire nei lontani anni 70 per evitarsi l'ingrato peso del ragionare, e non andò benissimo.
    Ma basta coi rimproveri, seppur meritati, ben tornato Quarantotto nel regno della riflessione costruttiva.
    Io, intanto, ne ne torno ad essere rinfrancato e silente lettore.

    RispondiElimina
  6. Bentornato, Presidente. E -come di consueto- con un post di spessore che stimola riflessioni e approfondimenti. E' un piacere tornare a leggerla.

    RispondiElimina